Logo IZS
denominazione
 Home Page » Archivio news » 2018 » Gennaio » Sezione diagnostica di Forlì: incontro annuale dei patologi aviari del gruppo emiliano romagnolo 
Sezione diagnostica di Forlì: incontro annuale dei patologi aviari del gruppo emiliano romagnolo   versione testuale






Si è svolto presso la Sezione IZSLER di Forli il consueto incontro annuale del gruppo emiliano-romagnolo dei patologi aviari. Durante la riunione la Dr.ssa Paola Massi ha illustrato le principali problematiche osservate nel corso dell'anno nel settore avicolo. All'incontro hanno partecipato circa 90 veterinari del settore.
Il 18 dicembre si è tenuto, presso la Sezione di Forlì, l'ormai tradizionale incontro informale di fine anno di Patologia aviare che ha coinvolto i Soci della Società Scientifica di Patologia Aviare (SIPA). I Colleghi della Sezione diagnostica si sono incaricati dell'organizzazione dell'incontro con una partecipazione di circa una novantina di Professionisti  fra Veterinari e Zootecnici che del settore avicolo e provenienti da diverse regioni italiane e da differenti filiere della carne e della linea uovo. Presenti anche docenti e dottorandi dell'Università di Bologna e Padova, nonché Veterinari dell'IZSUM.
Il programma si è articolato con  l'intervento di tre Veterinari aziendali sui principali casi clinici delle diverse tipologie produttive (pollo da carne, tacchino e gallina ovaiola).
E' seguito l'intervento della Dott.ssa Laura Fiorentini che ha fatto una sintesi dei patogeni riscontrati nei prodotti alimentari freschi e lavorati al fine di dare informazioni utili sul prodotto finale a quanti lavorano in produzione primaria.
Infine la Dott.ssa Paola Massi ha fatto il punto sulle due grandi emergenze dell'anno come l'Influenza aviaria e il caso "fipronil" al fine di chiamare tutti gli operatori del settore a procedere ad un approccio più completo e ordinato nella diagnosi di laboratorio: solo monitoraggi ben pianificati sulle reali necessità (come quello ad esempio sull'immunizzazione vaccinale o della riduzione del farmaco) e meno basati sulla rincorsa alle patologie con l'esecuzione di controlli veloci ed una tantum permettono di giungere a conclusioni valide per la gestione sanitaria degli allevamenti.