logo CEREV
 CEREV Home Page » Sanità Animale » Leishmaniosi 
Leishmaniosi   versione testuale





La Leishmaniosi è una patologia trasmessa da vettori, il cui agente eziologico è rappresentato da protozoi parassiti appartenenti al genere Leishmania.

Foto di Leishmania infantum eseguita in Immunofluorescenza Indiretta (IFI).
Clicca per ingrandire

Ciclo epidemiologico. Fonte CDC. Clicca per ingrandire
 
Sono state descritte diversi quadri sintomatologici nell'uomo, che vengono classificati in tre forme:
  • Leishmaniosi viscerale  (LV, sin.: Kala-azar)
  • Leishmaniosi cutanea (LC, sin.: Bottone d'Oriente)
  • Leishmaniosi muco- cutanea (LMC, sin.: espundia) 
Nel Nuovo Continente la Leishmaniosi è causata da L. braziliensis complex (LMC e LC), L. mexicana complex (LC), L. peruviana (LC) e L. chagasi (LV and LC); nel Vecchio Continente, gli agenti eziologici sono L. donovani (LV), L. infantum (LV and LC), L. tropica (LC), L. major (LC) e L. aethiopica (LC). 
Studi di biologia molecolare hanno provato che Leishmania infantum e L. chagasi sono identiche dal punto di vista genetico e devono essere considerate sinonimi.

Le diverse forme di Leishmaniosi, tranne poche eccezioni, sono da considerarsi patologie zoonotiche
La Leishmaniosi canina (Lcan) è una patologia viscero-cutanea causata da L. infantum (= L. chagasi), di cui il cane rappresenta la specie serbatoio.

I vettori della Leishmaniosi sono insetti flebotomi appartenenti ai generi Lutzomyia (Nuovo Continente) e Phlebotomus (Vecchio Continente).
___________________________________________________________________________________________________
  • Piano Regionale di Sorveglianza
  • Attività Diagnostica Emilia Romagna