Reparto Chimico degli Alimenti – Bologna

Ultimo aggiornamento: 25 Settembre 2020
Organizzazione interna

Laboratorio Contaminanti Ambientali
Laboratorio Residui
Laboratorio Chimica Applicata alle Tecnologie Alimentari
Laboratorio Materiali a Contatto

Attività/vocazionalità del Reparto Chimico degli Alimenti di Bologna

L’attività del Reparto Chimico degli Alimenti di Bologna si sviluppa in una realtà territoriale ricca di produzioni agroalimentari di rilievo. In questo contesto il Reparto effettua analisi chimiche nel settore della sicurezza sanitaria degli alimenti di origine animale e di origine vegetale oltre che dei materiali e oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti (MOCA) e dei cosmetici. Le attività analitiche sono quasi esclusivamente incentrate sui controlli disposti dagli organi competenti come i Servizi Veterinari e i SIAN delle Az. USL, i Carabinieri del NAS, gli USMAF, i PIF e gli UVAC, oltre che per le altre forze di polizia del territorio di competenza ma anche di altre Regioni. Nei laboratori del Reparto Chimico degli Alimenti vengono svolte diverse analisi previste da piani nazionali e regionali come il PNR, il PNAA, il PRA e i monitoraggi comunitari. Negli ultimi anni si è sviluppata notevolmente l’attività di controllo sui prodotti alimentari d’importazione e sui MOCA. La quasi totalità delle determinazioni chimiche sono accreditate da ACCREDIA.

Laboratorio Contaminanti Ambientali

Il laboratorio esamina matrici di origine animale e vegetale effettuando la determinazione dei principali contaminanti organici persistenti (POPs) come le diossine (PCDD/F), i PCB e i PFOS oltre i ritardanti di fiamma appartenenti al gruppo dei PBDE. Effettua inoltre la determinazione in ICP-MS dei contaminanti inorganici come i metalli (Pb, Cd, Hg, Cr, As, ecc,) e con tecnica HPLC-ICP-MS effettua la speciazione dell’arsenico, sempre in matrici di tipo alimentare.

Laboratorio Residui

Il laboratorio offre un’ampia gamma di metodiche accreditate sia di screening che di conferma in LC-MS/MS su matrici di origine animale (carne, latte, uova, miele e derivati), alimenti zootecnici e acque di abbeverata per la determinazione di residui di farmaci veterinari appartenenti alle principali classi come i sulfamidici, le penicilline, le tetracicline, i chinolonici, i macrolidi, gli amminoglicosidi oltre che al CAF e alle lincosamidi.

Laboratorio Chimica Applicata alle Tecnologie Alimentari

Presso questo laboratorio vengono analizzati alimenti, bevande e prodotti della confetteria per la determinazione dei coloranti alimentari ammessi e vietati. Sempre su alimenti e integratori alimentari effettua la determinazione dei principali additivi e delle micotossine (Aflatossine, Ocratossina A, Deossinivalenolo, Zearalenone, Fumonisine, Tossine T2-HT2, Patulina, Citrinina). Determina inoltre, sempre negli alimenti di origine vegetale e nel miele, le principali tossine di origine vegetale come gli alcaloidi tropanici (atropina e scopolamina) e di 28 alcaloidi pirrolizidinici.

Laboratorio Materiali a Contatto

Il laboratorio analizza diverse tipologie di materiali e prodotti destinati al contatto con gli alimenti come ad esempio materiali in plastica, carta, vetro, acciaio e ceramica. I principali materiali analizzati sono le stoviglie d’uso domestico, i piccoli elettrodomestici, i materiali per l’imballaggio oltre a parti o componenti di macchine per l’industria alimentare.

Breve descrizione degli interessi di ricerca

L’attività di ricerca è incentrata prevalentemente sulla sicurezza chimica degli alimenti e dei MOCA e in particolare sulla presenza e diffusione dei contaminanti organici persistenti e dei contaminanti inorganici come i metalli. Recentemente si è sviluppata una nuova linea di ricerca volta alla determinazione chimica di tossine sia di origine naturale come gli alcaloidi, e delle tossine di origine batterica.  Frequentemente il laboratorio partecipa come unità operativa di altri progetti, anche di salute umana, per le determinazioni di questi contaminati in matrici biologiche.